15

OTTOBRE
2021

ROUTES AND ROOTS >

CATANIA

In scena a Catania il work in progress “The Idiot’s Son, The Dead Man’s Sister and Nobody’s Father“.

Il gruppo di Nadia Addis (Italia), Patricio Ruiz (Argentina), Leonardo Tomasi (Italia) e Lyto Triantafyllidou (Grecia) seguito dal tutor Mario Gelardi, ha approfondito la messa a punto del progetto ideato a Napoli in una nuova residenza presso il Teatro della Città di Catania. Dopo aver dedicato i primi giorni al recupero delle energie e alla scoperta dei miti e delle meraviglie locali, gli artisti si sono dedicati a pieno ritmo alla ricerca e all’improvvisazione. 

Così The Idiot’s Son, The Dead Man’s Sister and Nobody’s Father, scritto da Patricio Ruiz e diretto da Lyto Triantafyllidou, influenzato dalle caratteristiche del territorio siculo, riprende l’immagine dell’isola e delle eruzioni vulcaniche e trasforma il lavoro precedente, incentrato sul movimento corporeo, in una ricerca sul concetto di trauma, di senso e mancanza di esso. Ne risulta un rapido botta e risposta tra i tre personaggi, portati in scena da Nadia Addis, lo stesso Patricio Ruiz e Leonardo Tomasi, sulla bellezza e la crudeltà dell’uomo e della natura.

Lo sviluppo del work in progress proseguirà nei prossimi mesi attraverso incontri online e in una nuova residenza prevista dal 23 al 30 Giugno 2022 in Libano.

R-Evolution Project 2021 | info@revolutionproject.eu